Tel: 0471 270501
Fax: 0471 270208
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Codice univoco ufficio per fatturazione elettronica: UFZK0C
Codice fiscale: 80006860219

Menu

1. Perché la scuola non si chiama più “Geometri”?
La recente riforma degli Istituti tecnici, ha abolito l’ITG (Istituto Tecnico Geometri), sostituendolo con l’ITCAT (Istituto Tecnico Costruzioni Ambiente Territorio), ma  lasciando  alla scuola la prerogativa di essere l’unica a permettere con un semplice diploma l’accesso al praticantato necessario a sostenere l’esame di Stato per l’iscrizione al Collegio Nazionale dei Geometri e dei Geometri laureati.


2. Quali abilitazioni professionali posso ottenere insieme al diploma ITCAT?
Con la frequenza di alcuni corsi, da svolgersi prevalentemente in orario curricolare nel triennio finale, superandone i relativi test si possono ottenere contestualmente al diploma ITCAT le seguenti certificazioni immediatamente spendibili a livello professionale:
•    Coordinatore per la sicurezza nei cantieri (previa frequenza corso di 120 ore)
•    Amministratore condominiale (previa frequenza corso ANACI di min. 75 ore)
•    Certificazione europea ECDL-CAD (uso del software AUTOCAD) in partnership con l’Istituto “L. Einaudi” di Bolzano.


3. Cosa fa la scuola per il potenziamento linguistico dei suoi studenti?
Da qualche anno l'Istituto prepara gli studenti interessati con corsi specifici tenuti al pomeriggio da personale anche di madrelingua, alle certificazioni linguistiche di inglese e di tedesco. In particolare si affrontano le certificazioni B1 e B2 di queste lingue (Preliminary English Test, First Certificate in English, Goethe B1 e B2), molto importanti per il riconoscimento delle competenze dei singoli alunni e per intraprendere studi universitari in ambito europeo o anche solamente lavorare in ambiente plurilinguistico. Le classi quarte partecipano a un soggiorno in area tedescofona (normalmente Vienna) durante il quale seguono in tedesco le spiegazioni su alcune questioni attinenti alle discipline specifiche della scuola (urbanistica, energie sostenibili, arte e design) ma anche di storia e di cultura. Il “Delai” propone inoltre codocenze e attività extracurricolari in modalità CLIL (Content and Language Integrated Learning), garantendo l’apprendimento integrato di contenuti disciplinari in lingua straniera veicolare introdotto dalla Legge di Riforma della Scuola Secondaria di secondo grado avviata nel 2010. Per l’anno scolastico 2016/17 l’Istituto ha a disposizione un assistente di madrelingua inglese.

4. E se poi mi pentissi di essermi diplomato geometra e volessi cambiare il mio percorso di studi?
Don’t panic!!! L’ITCAT offre solide basi per qualunque scelta postdiploma. È il più umanistico degli istituti tecnici, visto il suo essere intrinsecamente legato alla storia degli insediamenti umani e alla cultura del territorio. È una scuola più “scientifica” dello Scientifico, perché la matematica e la statistica non si fermano al piano teorico ma trovano tante applicazioni pratiche. Il “Delai” sviluppa la creatività ma senza però omettere di fornire i fondamenti del disegno e della rappresentazione grafica bi-tridimensionale a mano e al computer. Insieme all’Istituto Tecnico Economico la scuola garantisce un’invidiabile preparazione giuridico-economica, trattando argomenti che vanno dal diritto civile e commerciale al diritto dell’ambiente, dal diritto dell’ Urbanistica al diritto penale, dalla registrazione alla stima delle proprietà, dal marketing territoriale all’espropriazione e agli appalti. Meglio di altre realtà, l’ITCAT forma pubblici amministratori consapevoli, capaci d’immaginare il futuro del Pianeta perché forti di una coscienza ambientale e paesaggistica, di nozioni di stile, di conoscenza di materiali e design ecosostenibili, dei meccanismi della politica di gestione del territorio urbano e dei suoi limiti, delle buone pratiche di sviluppo delle città e di salvaguardia dell’ambiente alpino.
    
5. Questa scuola orienta in uscita i suoi diplomati?
La finalità del servizio di orientamento in uscita svolto dall'istituto è quella di supportare gli studenti che si stanno per diplomare attraverso attività di tutoraggio e counseling, facendo inoltre sperimentare alcune tecniche di ricerca attiva del lavoro e fornendo gli strumenti utili a redigere il proprio curriculum e a corredare così le proprie domande d’impiego in modo efficace. Sono inoltre presentati i portali internet e le agenzie territoriali consultabili.  E’ prevista, inoltre, un’introduzione al colloquio in azienda per valorizzare la presentazione di sé attraverso alcuni strumenti di comunicazione verbale e non verbale. Le classi quarte frequentano progetti di alternanza scuola-lavoro che consentono una reale immersione degli studenti in vari segmenti del loro settore professionale. I docenti di italiano e matematica preparano i diplomandi ai test di ammissione universitari, altri insegnanti si occupano di informare e coordinare gli studenti nella visita alle facoltà che potrebbero interessare loro per un’eventuale prosecuzione degli studi.

6. Cosa sono i pomeriggi-studio?
Per venire incontro agli studenti che hanno difficoltà ambientali, metodologiche, logico-espressive nella rielaborazione domestica dei contenuti delle lezioni, la scuola ha predisposto dei laboratori studio pomeridiani. Dal lunedì al venerdì durante l’arco dell’intero anno scolastico, vari docenti della scuola assistono gli studenti nella loro preparazione, favorendo attività di auto-aiuto  (peer tutoring) tra i partecipanti, rendendosi disponibili a interrogazioni e ripetizioni in un ambiente informale, lontano dalle distrazioni di casa e dall’esposizione in classe. Rispetto ai corsi specifici o agli sportelli, i pomeriggi-studio si sono rivelati vincenti anche nel recupero delle carenze disciplinari.


7. Perché una scuola su 6 giorni?
Non senza un sofferto dibattito tra tutte le componenti del Consiglio d’Istituto (genitori, studenti, personale docente e non), le cui opinioni sono raccolte attraverso sondaggi annuali, anche per l’anno scolastico 2016-17 l’ITCAT “Delai” ha deciso di restare fedele alla formula dell’insegnamento su 6 giorni settimanali, con lectio brevis il sabato mattina (fine delle lezioni alle ore 11.30 che facilita la partecipazione a impegni sportivi) per favorire lo studio autonomo degli studenti e la loro partecipazione ad attività extrascolastiche, evitando un’ eccessiva concentrazione di ore di lezione al mattino e/o al pomeriggio.

Vai all'inizio della pagina